Author Archive

Idee regalo per San Valentino

Preziosi regali per tutte le occasioni anche per San Valentino

Idee regalo San Valentino
Idee regalo San Valentino

Ci avviciniamo al 14 febbraio giorno dedicato all’amore, quello proprio di San Valentino, si accendono i pensieri ed ogni uomo o donna cerca di trovare un regalo adeguato per la persona che si ama.

Ognuno di noi si perde tra le mille possibilità, idee regali, prodotti ed oggetti in generale.

Gioielli, abbigliamento, prodotti hi-tech, qualsiasi tipologia vi venga in mente…

Spesso ciò che non pensiamo però è il regalo migliore, quello che rimane nel tempo, quello che permette di vedersi sempre con la persona amata, magari un ricordo, che però vorreste rendere tangibile nella quotidianità, come ad esempio un arredamento in casa ed in ufficio.

Le idee per regali emozionali

Ha disposizione ne abbiamo tantissime, basta dar sfogo a tutta la vostra immaginazione ed affidarsi a professionisti del settore per realizzarli, come ad esempio Outsideprint.com un e-commerce tra più importanti in Italia con un parco macchine di stampa digitale all’avanguardia, che ti permetterà di realizzare ed emozionare tutte quelle idee che vorresti ma che nei negozi con prodotti predefiniti non troverai mai, ma sopratutto non vedrai mai una foto di grande impatto, di grandi dimensioni dove il soggetto sei proprio tu con il tuo amore.

Quali sono i prodotti che andrebbero bene per l’amore?

Targhe

Le targhe sono un prodotto elegante, di classe, praticamente indistruttibile che dura nel tempo, simile al vetro, ma con peso ridotto, utili come soprammobili, oppure da posizionare su una scrivania dell’ufficio o ovunque dove vorreste.

Potreste averle a forma di cuore, rettangolari, quadrate, ovali, sfondo bianco, o trasparenti, cone l’immagine di una vostra fotografia, o di una frase particolare, o legato al proprio lavoro come un buon mezzo di comunicazione, unico freno è dato dalla vostra fantasia, in Outsideprint.com si realizza tutto ciò che vorreste per un regalo d’impatto, elegante, indelebile!

Quadri in Dibond o Alluminio

Quante volte trovandoci in quei negozi specializzati in regali vorremmo acquistare quadri, ma spesso pensiamo sempre fatti in legno, belli si ma poco originali, perché invece non farli personalizzati in alluminio dibond, oppure in tanti altri materiali, magari di dimensione grandi, o anche grandissimi, certo l’idea sarebbe ottimale, ma poi andiamo a vedere i prezzi, e ci accorgiamo di dover ridimensionare le nostre fantasie.

Idea regalo personalizzabile in ogni materiale
Idea regalo personalizzabile in ogni materiale

In Outsideprint.com le vostre idee le potrete realizzare personalizzando ciò che vorreste decidendo voi la spesa in base alle dimensioni, ed in ogni caso spendereste sicuramente di meno che in un negozio.

Quadri in Canvas

Quanto sarebbe bello poter arredare la vostra casa, il vostro studio, la vostra camera da letto, oppure qualsiasi parete con un quadro.
Ancora se il soggetto del quadro siete proprio voi con la vostra persona amata, oppure un ricordo di una “vecchia” fotografia o dar luce alle vostre idee, riprodotte su una tela?

Un regalo unico, piacevole indimenticabile

Personalizzati su tela canvas, con intelaiatura in legno abete realizzata a mano e “chiavette” a scomparsa per tendere la tela. Scegli tra i diversi formati di stampa.

Il quadro su tela canvas è un alternativa per poter valorizzare al meglio le proprie fotografie. E’ particolarmente adatto per le riproduzioni d’arte o per valorizzare le fotografie in un museo o in una mostra.

OutsidePrint si offre, con esperienza, professionalità e passione, come partner per le agenzie pubblicitarie e di comunicazione, centri media, tipografie, studi di architettura, interior designer, attività commerciali industriali e professionisti di settore, mettendo a disposizione il suo reparto grafico e produttivo, quale service di stampa digitale.

Casa d’aste leader nel 2018

Christie’s si conferma la prima casa d’asta al mondo

Christie’s è stata fondata nel 1766 da James Christie, e a oggi è una delle più grandi case d’aste al mondo.

Casa d'asta Christie's
Casa d’asta Christie’s

Il fatturato di Christie’s ha raggiunto un fatturato record nel 2018 di circa 7 miliardi di dollari crescendo del 3% sul 2017 (+6% in $) grazie sicuramente al successo ottenuto delle aste di collezioni private molto prestigiose, ricordiamo l’asta Rockefeller e  Ebsworth.

Da dove deriva la parola asta in questo settore?

La tradizione dell’asta deriva da tempi lontani, dobbiamo risalire fino agli antichi romani. La vendita pubblica dei beni di un debitore era annunciata da una lancia (hasta) infissa nel terreno, simbolo di proprietà e autorità pubblica.

Antica Roma
Antica Roma

Origine delle case d’asta con sede fissa?

L’origine delle case d’asta con sede fissa, specializzate nel settore dell’arte, risale alla seconda metà del Settecento, trasformando questo settore commerciale diventando molto importante, in particolare in Inghilterra e in Francia.

Luxury Art
Luxury Art

In questo periodo nacquero i due giganti del settore, che dominano ancora oggi il mercato: Sotheby’s e Christie’s.

Le basi d’aste più importanti al
mondo

Le aste in America sono cresciute di $3.6 miliardi, + 12%. La collezione di Peggy e David Rockefeller ha raggiunto il record di $835,111,344. La collezione di Barney A. Ebsworth è stata guidata da capolavori di Edward Hopper ($91,875,000), Willem de Kooning ($68,937,500), Jackson Pollock ($55,437,500) e Jasper Johns ($21,125,000). Nel mese di novembre 2018 “Portrait of an Artist (Pool with Two Figures)” di  David Hockney è stato venduto per $90,312,500. Nuovo record anche per un rilievo assiro venduto a ottobre 2018 per $30,968,750.

Le aste in Asia hanno totalizzato £613.1 milioni, +5% ($815.4 milioni, up 8%)  mentre in Europa e Medio Oriente gli introiti sono calati: £1.4 miliardi, – 8% ($1.9 miliardi,  -5%). Le aste di febbraio di “Impressionist and Modern Art Day Sale” ha archiviato il totale più alto nella categoria con  £20,636,938. Anche Parigi, che ha tenuto 40 aste, ha visto la realizzazione di 17 nuovi record mondiali. Inoltre nel 2018 Christie’s ha festeggiato il 60° anniversario di presenza in Italia con un’asta (annuale) a Milano di successo  e un Achrome di Piero Manzoni battuto a €2,970,000, l’opera  Post-War più cara mai venduta in Italia.

come riporta artslife.com

Christie’s chi sono?

Christie’s fa parte del Groupe Artémis, di proprietà dell’industriale francese François Pinault, che acquistò la compagnia nel 1998. Il 1 gennaio 2017 Guillaume Cerutti è diventato Amministratore Delegato di Christie, su raccomandazione di Patricia Barbizet e della famiglia Pinault.

Christie’s è costruita su tre fondamenti importanti Arte, clienti e competenza. La casa d’aste ha è presente nelle principali città culturali di tutto il mondo e una piattaforma digitale che coinvolge milioni di persone in tutto il mondo. Attualmente le Salerooms  di Christie’s sono distribuite tra Amsterdam, Dubai, Ginevra , Hong Kong  Londra, Milano, New York, Parigi, Shanghai e Zurigo. Gli uffici sono collocati in Africa & Middle East, America, Asia, Europa, United Kingdom & Irlanda.

Palace Christie's
Palace Christie’s

In Italia, Christie’s è presente dal 1958. Da settembre 2006 la direzione generale è attiva a Milano in Via Bossi, 4 e le aste ed esposizioni si tengono a Palazzo Clerici, sempre a Milano. Le aste italiane di Arte Moderna e Contemporanea, Gioielli e Dipinti Antichi vengono tenute due volte all’anno, in primavera e in autunno.

Aste importanti ne sono state battute ma da ricordare l’asta di Rockfeller da 1 miliardo di dollari si deve assolutamente riportare

rockefeller center
Rockefeller Center

1600 capolavori dei più grandi pittori di tutti i tempi come ad esempio Picasso, Van Gogh, Manet, Monet, Gaugin, Delacroix e Matisse e tanti altri ancora, appertenuti alla famiglia Rockfeller messi all’asta da Christie’s per un valore di oltre 1 milardo di dollari.

OutsidePrint si offre, con esperienza, professionalità e passione, come partner per le agenzie pubblicitarie e di comunicazione, centri media, tipografie, studi di architettura, interior designer, attività commerciali industriali e professionisti di settore, mettendo a disposizione il suo reparto grafico e produttivo, quale service di stampa digitale.
Cai Lun creatore della Carta

La nascita della Carta

Un invenzione che ha cambiato il mondo

Origine lontane

Nel primo secolo dopo Cristo, le varie informazioni o qualsiasi altra cosa veniva scritto su fogli di seta o altri materiali analoghi vegetali, opportunamente lavorati e preparati.
Prima dell’invenzione della carta ciò che si voleva tramandare veniva riprodotto su qualsiasi materiale, secoli prima gli Egizi tramandavano il loro sapere sulle pergamene fatte con il papiro.

Il Papiro

Cyperus Papyrus o pianta di Papiro vive unicamente sulle sponde in Egitto lungo le sponde del fiume Nilo, e in Sicilia presso Siracusa.

Cyperus Papyrus
Cyperus Papyrus

Questa pianta è formata dal rizoma che si fissa al terreno attraverso le sue radici di colore bianco, i nuovi germogli della pianta crescono lungo tutta la sua lunghezza, mentre la parte superiore della pianta è costituita dal caule o canna che viene utilizzata per la fabbricazione della carta.

Pergamena di Cyperus Papyrus
L’evoluzione della Carta

Di colore verde si assottiglia gradualmente verso l’infioriscenza, raggiungendo altezze elevate fino ai 6 metri con diametro di 10 cm circa.

La carta ricavata dal Papiro venne utilizzata in Egitto fin dal III millennio a.C., a quei tempi non veniva chiamata carta, ma denominata Shefedu, anche chiamata dai greci “Biblos” o dai Romani “Charta”.

Chi inventò la scrittura vera e propria su questo tipo di materiale non ha origine unica, il “verbo” tramandato indica che tra i primi ad usare la carta di papiro furono i Sumeri e gli Egizi.
I fogli di papiro però risultarono molto fragili e non potevano formare un libro, rovinandosi nel tempo
Secondo gli studiosi la svolta per dover utilizzare la carta come mezzo di comunicazione non fu basata sui soli bisogni di comunicare un pensiero immaginario, ma condizioni socio-economiche e politiche.

Prime forme di scrittura

Le giuste condizioni per dar luce alla scrittura avvenne secondo gli studiosi circa nel 3.200 a.C. in Mesopotamia con la nascita della scrittura cuneiforme, e successivamente in Egitto con la scrittura geroglifica.

Il cuneiforme degli antichi Sumeri
Il cuneiforme degli antichi Sumeri

Si ipotizza che la prima civiltà urbana ad usare la scrittura fù dunque quella dei Sumeri, tra l’attuale Baghdad in Iraq e la foce del Tigri e dell’Eufrate.

La nascita della carta

Nel 105 d.C. Cai Lun inventore cinese nato circa nel 50 d.c e morto circa il 121 d.c. nato a Guiyang entrò alla corte dell’allora Imperatore della Cina Ho Ti, diventando in breve tempo capo eunuco. Nel tempo informò l’Imperatore di aver fabbricato un nuovo materiale adatto alla scrittura, usando solo “vecchi stracci, reti da pesca e scorza d’albero”.

La tecnica fu fantastica in quanto si basò sull’idea di intrecciare fibre ottenendo così un materiale leggero, economico e resistente.

Cai Lun creatore della Carta
Cai Lun creatore della Carta

La scoperta varca ben presto i confini della Cina: gli scritti buddisti si diffondono in Giappone grazie al monaco Dokio, e insieme ai testi si diffonde anche il nuovo materiale su cui sono scritti.
In poco tempo il Giappone diventa famosa per la creazione della carta e la divulgazione ed della compilazione di manoscritti.

Nel 751 d.C. ad Atlah, sul fiume Tala’s, nel Turkestan, fu combattuta una grande tra gli arabi, in movimento espansionistico verso Oriente, e gli abitanti della regione, sostenuti dai Cinesi.

Questa battaglia “merita di essere ricordata perché da un lato aprì le porte agli arabi verso l’Asia Centrale consentendo loro di spingersi sino alle frontiere del Celeste Impero e dell’altro porto la divulgazione della prodigiosa invenzione di T’sai Lun, attraverso un cartaio Cinese catturato sul campo e condotto prigioniero a Samarcanda, la via del Medio Oriente e, successivamente, del Mediterraneo e dell’Europa.

Tale divulgazione poi si spinse verso la Spagna per poi arrivare attorno all’anno 1000, in Italia.

La carta in Italia

L’Italia è famosa per i suoi maestri cartai e per le numerose cartiere, tra le famose ricordiamo sicuramente quella di Fabriano con realizzazioni di documenti che risalgono al 1283 dove si inizia a menzionare la loro attività.

Altre cartiere famose in Italia esistevano a Prato, Amalfi, a Venezia, a Cividale nel Friuli ed in altri comuni sparsi sul “Bel Paese”.

Cartiere Italiane
La nascita della Carta

Ai cartai italiani spettano non pochi meriti nel processo di perfezionamento della produzione. Essi meccanizzarono la molitura degli stracci (precedentemente eseguita amano), introdussero la collatura dei fogli con gelatina animale (anziché con colle e succhi vegetali), crearono e regolamentarono i diversi tipi e formati di carta e, infine, introdussero nella fabbricazione della carta la «filigranatura» dei fogli.

OutsidePrint si offre, con esperienza, professionalità e passione, come partner per le agenzie pubblicitarie e di comunicazione, centri media, tipografie, studi di architettura, interior designer, attività commerciali industriali e professionisti di settore, mettendo a disposizione il suo reparto grafico e produttivo, quale service di stampa digitale.

Energy Transition

Energy Transition esempi di riuso degli scarti di CO2

Energy-Transition

Energy-Transition

C’è ne sono diversi di progetti per riutilizzare e quindi riciclare il CO2 come ad esempio quello per produrre carburante.
ENI già impegnata nel progetto di Energy Transition o transizione energetica volti a ridurre le emissioni dei gas effetto serra è il passaggio dall’utilizzo di fonti energetiche non rinnovabili a fonti rinnovabili.

Il mondo dell’energia sta sempre più velocemente cambiando. La necessità di ridurre le emissioni di gas che condizionano l’effetto serra rappresenta un immensa opportunità di crescita commerciale e tecnologica.
Eni sempre a trovare soluzioni in ambiente energetico presta particolarmente attenzione alla conversione del gas naturale in prodotti liquidi, per ottenere metanolo, utilizzato si a come combustibile e sia come materia prima per l’industria chimica.

L’importanza nel riutilizzare sostanze considerate rifiuti come il gas naturale è una risorsa molto preziosa. Sono in corso studi per la separazione di idrogeno solforato (H2S) ed anidride carbonica (CO2) cercando di riutilizzarli come materie prime.

  • L’acido solfidrico diventa utile come fertilizzante agricolo, per combattere la desertificazione.
  • L’anidride carbonica (CO2) può essere utilizzata per ottenere polimeri, prodotti chimici e materiali da costruzione, non ché materiali per la Stampa Digitale.

Queste ricerche e queste innovazioni portano grandi benefici sia ambientali che economici consentendo di generare valore riducendo le emissioni dannose a noi ed al pianeta.

Energia prodotta dall’Anidride Carbonica

 

Obbiettivo primario per la riduzione di emissioni nocive è senza dubbio quello di limitare l’impatto ambientale dell’anidride carbonica utilizzandola come fonte di energia.
Il mix di risorse energetiche come il carbone, il petrolio ed il gas naturale attualmente producono energia fino all’80% e molto probabilmente continueranno ad essere le fonti di energie principali per i prossimi anni.
Questo però condiziona l’ambiente in quanto continueranno a produrre forti emissioni di anidride carbonica che contribuiranno all’aumento della temperatura con gli ovvi sconvolgimenti ambientali e climatici.

Per poter ottemperare all’accordo sulla salvaguardia climatica sottoscritta nel 2015 da 197 paesi per contenere l’aumento della temperatura sotto i 2°C, sono necessarie riduzioni a una misura più tollerabile e riutilizzo di anidride carbonica.

Tra le tante tecnologia in fase di studi e ricerche per la transizione energetica c’è ne una interessante quella di catturare le emissioni nocive di CO2 emesse dagli scarichi degli autoveicoli, riutilizzata una stoccata ad esempio nell’industri mineraria come reagente per la produzione del policarbonato utilizzato anche nella comunicazione, del Plexiglass utilizzato dalla stampa digitale come Supporti rigidi nella comunicazione, con tecnologie ancora più innovative rispetto al materiale già presente, oppure come giù detto convertendolo in metanolo, riutilizzabile come carburante o nell’industria chimica.

Stampa su Plexiglass

Stampa su Plexiglass con Outsideprint

Sovrabbondanza prodotta di Zolfo

Lo zolfo, elemento chimico della tavola periodica degli elementi con simbolo S, ne viene “prodotta” all’anno di circa 10 milioni di tonnellate l’anno, il calo del suo prezzo è una logica conseguenza a fronte di costi elevati per lo stoccaggio in quanto rientrare nelle limitazioni di impatto ambientale.
Il Consiglio Nazionale delle ricerche (CNR) con Ente Nazionale Idrocarburi (ENI), stanno apprendendo nuovi polimeri caratterizzati da un elevata quantità di Zolfo realizzati dalla vulcanizzazione inversa.

Zolfo - S
Zolfo – S

L’utilizzo dello zolfo portato a sintetizzare polimeri sarà una fonte economica e di riutilizzo molto importante, sia per l’industria elettronica, e sia per l’industria dei materiali fino alla sostituzione degli attuali materiali plastici utilizzati anche nella comunicazione e nella pubblicità in quelle aziende che si occupano di stampa digitale.

OutsidePrint si offre, con esperienza, professionalità e passione, come partner per le agenzie pubblicitarie e di comunicazione, centri media, tipografie, studi di architettura, interior designer, attività commerciali industriali e professionisti di settore, mettendo a disposizione il suo reparto grafico e produttivo, quale service di stampa digitale.
inchiostri eco green base acqua outsideprint

Stampa Digitale inchiostri ecologici

Inchiostri Eco Green a base acqua

L’uso di inchiostri a base acqua elimina l’esposizione a sostanze pericolose per la salute, nonché semplifica i requisiti di ventilazione, immagazzinamento e trasporto.

inchiostri eco green base acqua outsideprint

inchiostri eco green base acqua outsideprint

Un numero sempre crescente di produttori si sta impegnando in iniziative ambientali, tuttavia
il concetto di “rispetto dell’ambiente” può assumere molti significati differenti per le differenti
persone, a seconda del segmento di mercato e dei fattori che i clienti e i produttori ritengono
più importanti.
Non è sempre facile riconoscere e identificare tutte le aree in cui è utile introdurre migliorie in
materia di attenzione per l’ambiente, in particolare negli impianti di produzione caratterizzati
dalla presenza di un’ampia gamma di attrezzature e da un’estrema varietà di processi.
Salvaguardia ambientale
salvaguardia ambientale outsideprint

salvaguardia ambientale outsideprint

Orami da qualche tempo la frase “salvaguardia ambientale” è diventata diffusissima, cambiamenti climatici dovuto all’inquinamento ambientale, aumento delle particelle dannose nei nostri cieli, inquinamento idrico legato agli ecosistemi che hanno come elemento principale l’acqua, con la conseguente contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali come ad esempio i fiumi ed i laghi e di falde acquifere.

Le principali cause sono la mancata o inadeguata depurazione delle acque reflue civili, ossia le fogne che riversano i liquami nei fiumi e nel mare materiali organici, batteri e composti chimici, i rifiuti delle attività industriali e quelle agricole con pesticidi, fertilizzanti, che venendo poi assorbiti con l’evaporazione sull’atmosfera, trasformandosi in pioggia si riversa nuovamente sui campi.

Ciclo Ambientale

Ciclo Ambientale

Un solvente è un componente dell’inchiostro che funziona da vettore per tinta e resina, è fondamentale per il processo applicativo, incidendo sulla proprietà del tempo di asciugatura e l’aderenza dell’inchiostro stesso.
Molte aziende ormai sono sempre più alla ricerca di nuove soluzioni per ridurre o eliminare completamente l’utilizzo di solventi nella produzione.

Outsideprint ha due obiettivi, direttamente quello di migliorare le condizioni di impatto ambientale ed indirettamente di aiutare i proprio clienti nel farlo a loro volta, utilizzando inchiostri Eco Green a base d’ acqua.

Tipologie stampa su carta con inchiostri Eco Green

Poster white back
sono manifesti ideali per la pubblicità interna. Questa carta, antispappolo a retro bianco dal peso di 150 gr per metro quadrato è Ideale per le affissioni pubbliche ed è una carta tipicamente utilizzata in ambienti esterni od interni con stampe di medio e di grande formato garantendo colori vivaci e un’ottima visione da qualunque distanza! Grazie ai colori brillanti è il supporto perfetto per la comunicazione visiva di breve durata e media durata come per esempio la comunicazione interna, cartelloni pubblicitari, allestimenti economici di breve durata e molte altre cose!

Carta da parati
La Carta da Parati è la migliore e più interessante alternativa alla pittura delle pareti.
Gli esperti di design e gli architetti fanno molto uso di questa tipologia di finitura d’interni perché permette loro piena libertà creativa e ideare soluzioni innovative.

Carta Blue Back
Viene chiamata così perché la sua particolarità è di avere il retro di stampa completamente blue. Si tratta di una carta economica che però garantisce colori vivaci che aiutano una visione di media e lunga distanza.  La carta blue back ha una buonissima resistenza agli agenti atmosferici, a piegature o lacerazioni, specialmente nella sua versione antispappolo.

Poster Clamp 
coppia di profili realizzati in alluminio anodizzato con sistema autostringente a pressione. Sono dotati di ganci scorrevoli che permettono una comoda installazione.
Ideale per i tuoi poster sui vari materiali:

• Carta fotografica

• Carta White back

• Carta Blu back

• Tessuti

• Tela Canvas

• Pet Gray Bac

Biglietti da Visita, Volantini e Flyer
Nel mondo di oggi sempre di più le immagini ricoprono un importante spazio nella vita quotidiana, associamo molto le immagini alle cose, alle strade, ai luoghi ma anche alle persone e alle aziende.
Serve  un mezzo comunicativo cartaceo come il biglietto da visita i volantini ed i flyer (che non invecchiano mai). Non è solo un foglietto con dati di chi siamo, ciò che conta è la qualità della carta, la qualità della stampa, la grammatura della carta, la grafica del testo, il colore,  il design che viene creato per l’intero biglietto da visita.

Locandine
Le locandine riescono ad attirare l’attenzione anche da grandi distanze. La stampa di locandine e manifesti sono perfette per pubblicizzare una promozione, un evento o qualsiasi altra cosa perché sono semplici da notare e leggere.

Pieghevoli 
chiamati anche col termine francese dépliant è un piccolo foglio stampato e piegato (a differenza del volantino che è un semplice foglio stampato, senza piegatura), che si distribuisce a scopo pubblicitario o di propaganda.

Cartoline personalizzate e  stampa per inviti 
Cartoline personalizzate 10×15 cm, ideale per tutte le occasioni per comunicazione, promozioni ed eventi, un classico prodotto sempre efficace che non passa mai di moda.

OutsidePrint si offre, con esperienza, professionalità e passione, come partner per le agenzie pubblicitarie e di comunicazione, centri media, tipografie, studi di architettura, interior designer, attività commerciali industriali e professionisti di settore, mettendo a disposizione il suo reparto grafico e produttivo, quale service di stampa digitale.

Privacy Preference Center

Necessario

Cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

No classificati

Cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.